Louise Bourgeois a Napoli. Viaggi senza destinazione

La mia recensione per Espoarte sulla mostra di Louise Bourgeois a Napoli, presso Studio Trisorio: “Voyages without a destination”.

Libro d’artista CANTO DI LAVORO. ilfilodipartenope

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ieri sera sono stata alla presentazione del libro d’artista CANTO DI LAVORO – frutto della collaborazione tra quattro artisti che hanno messo in comune le rispettive abilità per dar vita ad un prodotto di accurata manifattura. Sono Antonio Picardi (serigrafia), Vincenzo Rusciano (disegno), Sergio Siano (fotografia) e Filippo Felaco (maiolica). Il volumetto si arricchisce inoltre di un testo dello scrittore e giornalista Ermanno Rea, ispirato ad una canzone e una poesia dell’attore, commediografo, compositore, poeta e scrittore napoletano Raffaele Viviani, e di una nota dello scrittore e critico letterario Silvio Perrella.

Il progetto, modellato sull’attuale tema del lavoro – con tutto il suo bagaglio di paure, speranze, rischi e insicurezze – è stato ideato e realizzato da Ilfilodipartenope, spazio sito in Via Costantinopoli 48 che ama definirsi “Libreria Nomade” di editori artigiani, un luogo in cui ogni particolare è studiato con estremo gusto e attenzione, caratteristica che si rispecchia sia nelle pubblicazioni che riempiono gli scaffali, piccole opere d’arte da sfogliare senza la fretta di arrivare alla fine, sia negli oggetti di varia natura che verrebbe voglia di collezionare con la foga curiosa di un bambino che raccoglie conchiglie portate dal mare sulla spiaggia.

La serata è iniziata presso la Biblioteca Universitaria di Piazza Bellini BRAU dove il progetto è stato presentato, per proseguire presso lo Spazio Arte-Libri ilfilodipatenope, dove CANTO DI LAVORO era esposto nelle sue varie versioni – il frontespizio cambiava a seconda dell’artista che gli aveva dato forma – accompagnato da ottimi taralli e vino rosso.

CANTO DI LAVORO ha una tiratura complessiva di 200 copie, 50 per ognuno dei 4 artisti invitati.

*Il libro d’artista è un particolare oggetto estetico che ha la forma di un libro, ma va al di là della sua concezione tradizionale. È infatti frutto dell’incontro di diverse espressioni artistiche, tra testi letterari (poesie, aforismi, narrativa, saggistica, teatro…), e opere originali o a tiratura limitata di grafica, disegno, pittura, scultura, ceramica e così via.